IL RUOLO FONDAMENTALE DEGLI ENZIMI N°7

CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC)

PREVENIRE L’ENZIMOPATIA

Dagli studi di Pasquale Ferorelli l’enzimopatia rappresenta una delle cause più devastanti di ogni essere vivente, intervenire sugli enzimi è possibile.

PUBBLICAZIONE SCIENTIFICA:
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/32034492

ENZIMOPATIA: LA NUOVA FRONTIERA ALLA LOTTA CONTRO IL CANCRO
RELATORE: PASQUALE FERORELLI
5° WORKSHOP INTERNAZIONALE, VIENNA, 17-19 MAGGIO 2019:
https://www.citozeatec.ch/enzimopatia-la-nuova-frontiera-alla-lotta-contro-il-cancro-relatore-pasquale-ferorelli-3-parte/

La continua attività di ricerca di Citozeatec e di Pasquale Ferorelli, nel corso della sua ultratrentennale esperienza in ambito enzimologico, ha portato a importanti successi nel trattamento complementare di moltissime patologie.
Gli enzimi, come è noto, sono proteine che catalizzano tutte le reazioni metaboliche. Così, mutazioni che coinvolgono gli amminoacidi degli enzimi, inibiscono l’attività catalitica, rendono la cellula vulnerabile, possono produrre un danno d’organo e innescare un processo tumorale.
Come sostiene Pasquale Ferorelli, il cancro ha origine dall’enzimopatia che rende le cellule incapaci di neutralizzare l’azione dei mutageni, avviando così una trasformazione neoplastica.
A conferma di quanto sostiene Pasquale Ferorelli, studi condotti presso l’Università di Roma Tor Vergata hanno dimostrato la capacità dei prodotti Citozeatec di combattere l’enzimopatia, inducendo risposte su più fronti (migliorando i metabolismi energetici, innescando processi di difesa o di intervento cellulare, stimolando il sistema immunitario, il turnover proteico, la riparazione dei danni al DNA).
Le ricerche sperimentali, pubblicate nel corso degli anni dalla Citozeatec, hanno confermato i vantaggi della Terapia Complementare Enzimatica (TCE), oggi utilizzata con successo da diversi medici specialisti (italiani e stranieri) nei confronti di moltissime situazioni patologiche.

In ambito oncologico, Citozeatec ha aggiunto un altro fondamentale tassello. La rivista Amino Acids (Springer), indicizzata su PubMed (NCBI, National Center for Biotechnology Information), infatti, ha pubblicato un importante studio relativo al carcinoma polmonare:

“Oral nutritional supplement prevents weight loss and reduces side effects in patients in advanced lung cancer chemotherapy”

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/32034492

La ricerca (in vivo) ha mostrato un significativo miglioramento della qualità della vita e un cambiamento positivo di alcuni parametri clinici connessi al carcinoma polmonare. In particolare, i pazienti affetti da carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC), in chemioterapia con Pemetrexed (antifolato), sono stati trattati per 90 giorni con Texidrofolico (Citozeatec) e hanno avuto notevoli benefici in termini di: riduzione della tossicità della chemioterapia, riduzione della perdita di peso, riduzione dei sintomi della malattia (anoressia, debolezza, tosse, dispnea, emottisi, dolore).

L’Enzimologia clinica, frutto della ricerca coordinata da Pasquale Ferorelli, trova conferma da autorevoli studi come questo e mostra come, la necessità di intervenire sull’enzimopatia sia la via maestra da seguire.