Pesaro 04/08/2013

Mi chiamo Davide Tonti

Anamnesi:

Carcinoma renale IV° stadio con metastasi polmonare

Porto la mia testimonianza relativa alla patologia che mi ha condotto alla nefrectomia radicale sinistra, linfoadenectomia retroperitoneale sinistra e resezione polmonare atipica di nodo polmonare del lobo inferiore sinistro. I primi sintomi della malattia hanno cominciato a manifestarsi i primi mesi dell’anno 2011, con febbricola crescente, smagrimento e perdita di peso. Le analisi del sangue, più volte ripetute manifestavano emocromo alterato, VES altissima. A Maggio l’ecografia eseguita evidenziava l’esistenza di un grosso nodulo(processo espansivo mesopolare inferiore renale sinistro a sviluppo parzialmente extracapsulare del diam. maggiore di circa 86 mm. )(vedi ALLEGATO 1). Dopo aver consultato vari urologi, ho accettato di farmi operare dal dott. Catanzaro, presso l’Istituto dei Tumori di Milano, previa visita eseguita i primi di Giugno. L’operazione eseguita il 23/06/2011 è consistita nella nefrectomia radicale sinistra con anche linfoadenectomia retroperitoneale sinistra. Il referto oncologico, derivante dall’esame istologico, confermava la sospetta malignità del nodulo specificando che trattavasi di carcinoma renale “sarcomatoide” grado IV, (ALLEGATO 2) che l’oncologo, con visita a Milano in data 12/07/2011 consigliava caldamente e con insistenza di trattare con protocollo di farmaco sperimentale, proposta in seguito alle mie indagini alcuni medici sconsigliavano tale sperimentazione consigliandomi l’utilizzo di prodotti della Citozeatec, consigliatomi pure da un medico Oncologo che mi forniva il protocollo di utilizzo, iniziata subito dopo l’operazione di asportazione, seguendo la posologia di 6 cucchiai di Citozym, 1 Stick di Propulzym, 1 stick di Ergozym Plus. Il primo controllo di followup effettuato nella seconda metà di Agosto, attraverso la Tac denotava l’esistenza di 3 piccoli noduli polmonari bilaterali, sospette metastasi. Dopo visita oncologica presso l’unità di Arezzo, si decideva di intervenire chirurgicamente per l’asportazione di detti noduli presso l’unita operativa di chirurgia toracica della clinica Humanitas Gavazzeni di Bergamo, diretta all’epoca dal professor Adriano Rizzi. In occasione dei controlli pre operatori, la risultanza della Tac evidenziava a sorpresa che i noduli di destra risultavano pressochè scomparsi, decidendo di conseguenza di asportare il solo nodulo di sinistra mediante procedura VATS, di cui si allega referto istologico confermante la presunta natura sarcomatoide del nodulo, (vedi ALLEGATO 3). Anche dopo l’operazione ho continuato a prendere il Citozym quotidianamente senza interruzioni, seguendo sempre la medesima posologia. Tutti i successivi follow up oncologici, fatti ogni 6 mesi, da Settembre 2011 a tutt’oggi ( Agosto 2013)non hanno evidenziato riprese della malattia neoplastica/tumorale(vedi ALLEGATO 4), emesso dal OSPEDALE MARCHE NORDI REPARTO DI ONCOLOGIA.

Nella speranza che questa mia testimonianza possa offrire un piccolo contributo, a chi dovrà scegliere il giusto percorso e posso solo affermare che se continuavo azione del trattamento convenzionale (chemioterapico) ora non ero qui a scrivere alcun che.

La possibilità di capire esiste basta leggere le ricerche messe a disposizione dall Citozeatec.

Ringrazio il Dr. Pasquale Ferorelli per le sue scoperte enzimologiche e i collaboratori della Soc. Citozeatec dei componenti Biodinamici per me fondamentali.

A disposizione.

Davide Tonti nato/a a PESARO il 21/01/1964, Codice Fiscale TNTDVD64A21G479S,
e-mail tontidavide@gmail.com

Da: Davide Tonti [mailto:tontidavide@gmail.com]
Inviato:
lunedì 16 novembre 2015 09:37
A: pasquale ferorelli
Oggetto:
Re: I: TONTI

la presente per autorizzarvi a divulgare il mio caso clinico, come meglio indicato nella lettera del Settembre 2013.

Un vivissimo ringraziamento
Davide Tondi

mailto: tontidavide@gmail.com